Regole Texas Hold’em

Ultimo aggiornamento:

Il Texas Hold’em è senza dubbio la tipologia di poker più popolare al mondo e, di conseguenza, è anche la più giocata nei casinò online ADM. Il suo svolgimento e la sua struttura lo rendono un gioco per casino divertentissimo e pieno di suspense che si adatta perfettamente al cash game, ai sit and go e ai tornei multi-tavolo. In questa guida andremo a scoprire tutte le regole che caratterizzano il cosiddetto poker alla texana!

poker texas holdem
Indice dei contenuti

Varianti del Texas Hold’em

Benché la variante più famosa sia quella No Limit, esistono altri tre modi per giocare a Texas Hold’em: vediamo in breve le loro caratteristiche.

  • No Limit: il giocatore può puntare quanto vuole, anche tutte le fiches che ha nel suo stack, poiché non c’è un limite al piatto.
  • Pot Limit: ciascun giro di puntate è caratterizzato da un limite che non può superare l’ammontare del piatto.
  • Fixed Limit: le puntate hanno un limite prefissato e gli eventuali rilanci sono bloccati per un massimo di tre round, tranne quando rimangono due giocatori al tavolo. Variante diffusa nei casinò terrestri.
  • Mixed: vengono alternati giri con limite e senza limite.

Svolgimento del Texas Hold’em No Limit

poker preflop
La fase Pre-Flop

Si gioca con un mazzo di 52 carte e un tavolo composto da un minimo di 2 fino a un massimo di 10 giocatori. Le carte utilizzate sono tutte quelle dei quattro semi (fiori, picche, quadri, cuori) partendo dal 2 fino ad arrivare all’asso che è quella di maggior valore.

Le fiches che hai a disposizione vanno a formare lo “stack” e, sia nei tornei che nei sit and go, ogni concorrente riceve uno stack di identico valore.

Ogni giocatore riceve dal “dealer” (mazziere) due carte coperte che si possono abbinare alle cinque carte comuni a tutti distribuite al centro del tavolo. Una mano vincente si compone mettendo assieme un massimo di cinque carte tra le due che si hanno in mano e quelle sul tavolo.

Le cinque carte distribuite sul tavolo si chiamano “board“: le prime tre vengono distribuite contemporaneamente e si chiamano “flop“, le altre due in altrettanti turni diversi chiamati “turn” e “river“.

Una parte importantissima del gioco sono i cosiddetti “bui“, ossia la puntata minima per partecipare a un giro: i bui, durante un sit and go o un torneo, aumentano gradualmente col passare del tempo.

Il piccolo buio (“small blind”) è il primo giocatore alla sinistra del dealer e deve mettere obbligatoriamente metà valore del buio prima che inizi il giro, il grande buio (big blind) invece è il primo giocatore alla sinistra del piccolo buio e deve obbligatoriamente mettere l’intero valore del buio.

Il primo giocatore a parlare, nella fase pre-flop, è quello alla sinistra del grande buio e così via fino a completare il giro arrivando al grande buio. La posizione più vantaggiosa è quella del dealer perché una volta girato il flop sarà lui l’ultimo a parlare nei giri successivi.

Le puntate cominciano già quando i giocatori ricevono le due carte personali, quindi prima che venga inserito sul tavolo il flop.

Quando viene girato il flop segue un altro giro di puntate, dopodiché viene girato il turn e avviene un altro giro di puntate fino ad arrivare all’ultima carta, chiamata river, che combacia con l’ultimo giro di puntate.

Al termine di una mano, il dealer si sposta di una posizione in senso orario e il giro ricomincia alla stessa maniera.

N.B.: il poker è un cosiddetto “gioco di posizione“, la posizione che si occupa in un giro è spesso determinante. Essere l’ultimo a parlare è un grande vantaggio perché puoi fare la tua mossa dopo aver visto tutte quelle fatte dagli avversari.

Fasi di gioco del Texas Hold’em

mano poker
Lo Showdown

Le regole del Texas Hold’em si possono riassumere in cinque fasi che compongono lo svolgimento del gioco: pre-flop, flop, turn, river e showdown.

La prima fase è chiamata pre-flop: dopo aver visto le proprie due carte, ogni giocatore può scegliere se entrare in gioco facendo “call” e quindi mettendo il valore del grande buio, effettuare un rilancio (“rase”) di almeno il doppio del grande buio oppure “foldare” cioè uscire dalla mano.

Viene quindi girato sul tavolo il flop (seconda fase) con le prime tre carte comuni a tutti. Il primo a parlare è il giocatore alla sinistra del dealer (piccolo buio) e così via in senso orario fino ad arrivare al dealer stesso.

Dal flop in poi è anche possibile fare “check” ossia passare il turno al giocatore successivo senza abbandonare però la mano.

Una volta terminate le puntate al flop ci sono la terza e la quarta fase: prima si passa al turn che prevede la distribuzione di una quarta carta in comune e un altro giro di scommesse e poi al river (quinta carta) che avviene esattamente allo stesso modo.

Naturalmente non è obbligatorio che un giro arrivi fino alla quinta carta, può anche interrompersi già pre-flop se un giocatore ha effettuato un rilancio e tutti hanno foldato e quindi abbandonato la mano.

Per stabilire chi ha vinto una mano si procede al cosiddetto “showdown” (quinta fase) ossia bisogna mostrare le proprie carte che fino a quel momento erano rimaste coperte: ciò può avvenire al flop, al turn e al river.

Il primo a mostrare le carte è il giocatore che ha effettuato l’ultima puntata o l’ultimo rilancio. Se nel giro finale non ci sono state puntate, ma solamente check, il giocatore alla sinistra del bottone è il primo a mostrare le proprie carte.

Il giocatore con la mano migliore vince l’intero piatto (“pot”), se due giocatori hanno la stessa mano il piatto viene suddiviso equamente.

Valore delle combinazioni vincenti nel Texas Hold’em

mani di poker
Tutte le mani vincenti

Vediamo quali sono i valori di ogni mano partendo da quella più bassa fino ad arrivare alla più alta: individuare un “punto” è molto semplice. Ricordati che il valore di un punto è determinato sempre dalle tue due carte personali abbinate a quelle sul board: l’Asso è quella di maggior valore, il 2 di minor valore.

  • Carta Alta: se non si verificano combinazioni vincenti, vince il giocatore che ha la carta di valore più alto in mano.
  • Coppia: due carte uguali.
  • Doppia Coppia: due coppie di carte uguali.
  • Tris: tre carte uguali.
  • Scala: cinque carte in sequenza, ad esempio 10, J, Q, K, A.
  • Colore: cinque carte dello stesso seme.
  • Full: un tris abbinato a una coppia.
  • Poker: quattro carte uguali.
  • Scala a Colore: cinque carte in sequenza tipo 5, 6, 7, 8 e 9 dello stesso seme.
  • Scala Reale: una scala composta da 10, J, Q, K, A rigorosamente dello stesso seme.

Cash Game, Sit and Go e Tornei Multi-Tavolo

Ci sono essenzialmente tre tipologie di Texas Hold’em No Limit che puoi trovare nella maggior parte dei casinò online ADM.

Il cash game è sicuramente quello più adatto ai giocatori esperti che hanno budget importanti, anche se in realtà è possibile giocare puntando pochissimi centesimi. Nel cash game le puntate vengono effettuate con soldi reali: il valore di ogni fiche viene espresso in euro. Teoricamente non c’è limite al valore delle puntate e a quanto si può vincere.

Il sit and go è un tavolo con massimo 10 giocatori: si paga un’iscrizione fissa, i premi sono già stabiliti e si riceve un tot di fiches uguale per tutti. Solitamente i primi tre vanno a premio.

Il torneo multi-tavolo mette in palio un montepremi garantito, generalmente non c’è limite ai partecipanti. Anche qui il costo di iscrizione è fisso. Mano a mano che il torneo va avanti, i giocatori vengono eliminati fino ad arrivare al tavolo finale. La percentuale di giocatori che va a premio è solitamente del 10/15%.

Il Texas Hold’em nei casino online ADM

Praticamente tutti i migliori casino online ADM propongono una nutrita sezione dedicata al poker alla texana. Puoi trovare centinaia di tavoli cash, sit and go e tornei con buy-in adatti a tutte le tasche: si può giocare spendendo pochi centesimi fino ad arrivare a centinaia di euro.

Naturalmente ci sono molte tipologie di gioco che rendono il poker estremamente versatile e perfetto per chiunque: i tavoli possono essere turbo o lenti, puoi ricevere uno stack corto o profondo, vincere un premio per ogni giocatore eliminato, puoi giocare in testa a testa, in sei o in dieci oppure partecipare a tornei con migliaia di avversari.

Pensa che esistono pure alcuni tornei (satelliti) che mettono in palio ticket per partecipare alle rassegne più importanti dal vivo come l’European Poker Tour e le World Series of Poker.

Il mondo del poker è talmente variegato che sarebbe impossibile citare tutte le caratteristiche che si possono trovare in un sit and go oppure in un torneo, ma ti assicuriamo che troverai sicuramente la tipologia di gioco in cui specializzarti.

I migliori casinò online al loro interno vantano un’ampia sezione per imparare a giocare, una sorta di scuola di poker in cui ricevere consigli preziosi su come diventare un giocatore vincente: naturalmente la fortuna ha sempre un valore determinante, ma occorre pure tanta abilità.

Altro importante fattore che distingue i casinò online legali è la possibilità di giocare a soldi fittizi e fare pratica per tutto il tempo che si vuole.

Insomma, se vuoi diventare un esperto giocatore di poker, avrai a disposizione tutti gli strumenti necessari!

Domande Frequenti

Come si gioca a Texas Hold’em?

Si gioca con un mazzo di 52 carte e un tavolo da 2 a 10 giocatori. Si possono giocare sit and go e cash game, ma anche tornei multi-table che in tal caso possono prevedere la presenza di centinaia o persino migliaia di giocatori. Il Texas Hold’em abbraccia qualsiasi tipo di giocatore: da quello occasionale che vuole spendere pochi centesimi, al veterano che dispone di un bankroll profondo.

Cosa vale di più a Texas Hold’em?

La scala reale è la mano più forte e si ottiene mettendo in fila 10, J, Q, K e A dello stesso seme. E’ un’eventualità che si verifica piuttosto raramente così come il poker e la scala al colore, mentre il full e il colore tutto sommato possono verificarsi con maggior frequenza.

Chi parla per primo al flop?

Una volta distribuito il flop il primo a parlare è lo small blind alla sinistra del dealer, poi il giro procede in senso orario fino al dealer che è l’ultimo a parlare. Nel Texas Hold’em la posizione è fondamentale: essere l’ultimo a parlare in una mano è alquanto vantaggioso perché puoi agire dopo aver visto le mosse di tutti gli avversari.

Federico Gulotta di

Classe '88 e nato a Pisa, giornalista pubblicista, da sempre appassionato di iGaming con particolare attenzione all'evoluzione e alle dinamiche di mercato che riguardano casinò online e slot machine.

Guide correlate che ti potrebbero interessare: