Dalla Gran Bretagna nuove regole sull’età minime per i giochi

Ultimo aggiornamento:

Indice dei contenuti

La Gran Bretagna sembra voler stringere sulle regole per i giochi d’azzardo e per le lotterie online. I parlamentari britannici stanno infatti negoziando una nuova proposta per poter alzare l’età minima di accesso ai giochi di lotteria online a 18 anni, come parte integrante di una strategia più ampia che dovrebbe rivedere le discipline di base del gioco d’azzardo, anche al fine di contenere le possibili situazioni di uso inconsapevole da parte dei minori. Attualmente tale revisione è ancora in corso di elaborazione, ma si attende comunque qualche passo in avanti formale nelle prossime settimane.

Casino Gran Bretagna

Secondo il Times, dunque, entro la fine dell’anno la Gran Bretagna dovrebbe dotarsi di una nuova soglia anagrafica più bassa per l’accesso ai giochi d’azzardo, o per lo meno a quelli strutturati come delle lotterie.

Ricordiamo che attualmente in Gran Bretagna la soglia minima di accesso per questo tipo di giochi è pari a 16 anni, e che le persone di 16 e 17 anni di età in Gran Bretagna possono spendere centinaia di sterline nei principali giochi online proposti dalla Lotteria Nazionale, che in Gran Bretagna viene attualmente gestita da Camelot.

Tuttavia, le cose potrebbero cambiare a brevissimo e, come riportava il quotidiano, entro pochissime settimane il parlamento dovrebbe varare una stratta in tal senso, finalizzata limitare l’esposizione ai giochi d’azzardo da parte id un pubblico più giovane e più vulnerabile, che potrebbe essere maggiormente influenzabile dalle offerte e dalle allettanti proposte del gioco d’azzardo, e potrebbe altresì trovare un più faticoso equilibrio tra il desiderio di giocare e la necessità di tenere a freno il budget da impiegare.

Chi ha una migliore memoria ben ricorderà che non è certo questa la prima volta che il parlamento britannico cerca di ispirare una revisione della legge in tal senso, e che da almeno un anno si parla in maniera insistente della possibilità di incrementare i limiti anagrafici necessari per poter avere accesso alle lotterie online, anche istantanee, proposte dalla Lotteria Nazionale.

Una delle proposte più convincenti è stata formulata più di un anno fa, per la prima volta, dall’ex ministro dello sport Mims Davis, che aveva ideato una consultazione di 12 settimane proprio sull’età minima necessaria per poter giocare ai giochi della National Lottery, affermando altresì che un limite inferiore di età potrebbe essere aumentato per poter assicurare che i giovani, più vulnerabili, siano adeguatamente protetti dai potenziali rischi dei danni legati al gioco d’azzardo.

Ricordiamo inotlre come un altro dei motivi che probabilmente spingerà a un innalzamento del limite minimo di età anagrafica necessaria per poter giocare alle lotterie della National Lottery è anche dettato dalla necessità di ripristinare un miglior equilibrio tra i vari operatori, considerato che la National Lottery permette in questo modo di servire un pubblico (i 16 e i 17enni) che gli altri operatori commerciali non possono puntare.

Ricordiamo anche che l’attuale licenza della National Lottery scadrà nel 2023, e che è già in corso la valutazione di un bando di concorso per poter concedere una nuova licenza che possa sostituire quella dell’attuale concessionario, Camelot Group. La nuova licenza avrà una durata di 10 anni, e potrebbe essere contesta da molti operatori europei.

Staff di

Dal 2011 testiamo e recensiamo i casino online per fornire ai nostri lettori tutti i suggerimenti più utili per giocare in sicurezza sui siti più affidabili. Senza la presunzione di essere i migliori, ma certi della nostra serietà, competenza e trasparenza.

Guide correlate che ti potrebbero interessare: